PSICOFARMACI A “DOSE TERAPEUTICA”? MA NON FATEMI RIDERE…

Robin Williams, l’autopsia: non aveva assunto alcol o droghe prima del suicidio

WASHINGTON – Robin Williams non aveva ingerito alcol o droghe quando si suicidò nella sua casa l’11 agosto scorso a 63 anni. E’ quanto ha stabilito l’autopsia. Il rapporto del Coroner, riferisce lo sceriffo della contea di Marin, in California, rivela che l’attore prendeva farmaci prescritti, ma “in quantità terapeutiche”. Confermata quindi la morte per suicidio: Williams si è impiccato con l’uso di una cintura ed è morto per asfissia.

FONTE REPUBBLICA.IT



COMMENTO

La lobotomizzazione non ha limiti.
Si può assumere un veleno in “quantità terapeutiche”?
Gli psicofarmaci sono il male del mondo moderno.
Ricchi, poveri, belli, brutti: nessuno è al riparo.

La consapevolezza è l’unica arma vincente.

Pietro Bisanti
Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l’apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.
Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.
Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com
Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.
Per tutti: con la funzione “ricerca google” in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio “psicofarmaci e suicidio”, “prozac” etc…) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all’argomento desiderato.
Per tutti: mi trovate su “FACEBOOK” con il mio nome Pietro Bisanti
ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU’ EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E’ PREGATO DI SEGNALARLO
ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG “ALIMENTAZIONE E SALUTE”. LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.
Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.
Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.
In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.